Luigi Gaudino

Cinema alla sbarra

Trent’anni di avventure e sventure giudiziarie del cinema italiano
Di solito è il cinema a raccontare ciò che accade nei tribunali: l’arringa dell’avvocato, la severità del giudice, il pianto del condannato sono luoghi classici di mille e mille pellicole. Accade però, non di rado, che le parti si invertano e che siano i giudici a doversi occupare di un film. A trascinare ‘il cinema alla sbarra’ è chi lamenta la violazione di un proprio diritto della personalità: il nome, l’immagine, l’onore, la riservatezza – diritti ‘importanti’, tutelati dalla Costituzione. Ma chi si difende impugna un’arma non meno robusta: la libertà di manifestazione del pensiero, la libertà dell’arte – prerogative anch’esse coperte da garanzia costituzionale. 
Questo libro ricostruisce alcune avventure/disavventure giudiziarie del nostro cinema del dopoguerra. Piccoli tesori del nostro passato riaffiorano dalle pagine ingiallite delle raccolte di giurisprudenza: Salvatore Giuliano, Mamma Roma, Il vigile, La grande guerra, Accattone, Il generale della Rovere, Il bidone, Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, L’oro di Napoli, Febbre da cavallo… L’opera dei più grandi registi e dei più amati attori – Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Vittorio Gassman, Mario Monicelli, Luigi Zampa, Pier Paolo Pasolini… – viene esaminata, con il caratteristico linguaggio giudiziario, In nome del popolo italiano.
http://magazine.libero.it.phtml 
titolo: Cinema alla sbarra
sottotitolo: Trent’anni di avventure e sventure giudiziarie del cinema italiano
autore: Luigi Gaudino
editore: Forum
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2007
formato: cm 14x21,5
pagine: 144
immagini: b/n
prezzo versione cartacea: 13,50 € sconto 5%
ISBN: 978-88-8420-427-1

Recensioni

Dello stesso autore