A cura di Massimo Capulli

Il patrimonio culturale sommerso

Ricerche e proposte per il futuro dell’archeologia subacquea in Italia

A vent’anni dal primo convegno nazionale di archeologia subacquea, questo volume raccoglie i contributi del quinto incontro tenutosi a Udine nel 2016 con la necessità di fare un bilancio sulle cose fatte e le occasioni perdute, le energie da raccogliere e il tipo di futuro da progettare per il patrimonio culturale sommerso. I numerosi saggi qui riuniti fotografano le recenti esperienze di ricerca e scavo subacqueo in Italia. Le riflessioni nate nei tavoli di lavoro del convegno hanno portato a una proposta condivisa: la Carta di Udine per l’archeologia subacquea. Questo documento rappresenta l’esito del fitto dibattito della comunità scientifica sul patrimonio culturale sommerso e lancia la sfida per una tutela che sappia garantire lo sviluppo della ricerca, promuovendo al contempo modelli di partecipazione pubblica al bene archeologico.

  • Massimo Capulli

    Massimo Capulli, archeologo, si interessa di tecniche di lavoro e documentazione archeologica in ambiente subacqueo, di principi e metodi della costruzione navale antica e della ricostruzione dei paesaggi d’acque: fiumi, laghi e lagune. Attualmente è ricercatore presso l’Università degli Studi di Udine, dove è docente di Metodologie della ricerca archeologica e di Archeologia subacquea e navale, e Research Associate dell’Institute of Nautical Archaeology (Stati Uniti).

titolo: Il patrimonio culturale sommerso
sottotitolo: Ricerche e proposte per il futuro dell’archeologia subacquea in Italia
curatore: Massimo Capulli
editore: Forum
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2018
collana: Tracce. Itinerari di ricerca/Area umanistica e della formazione
formato: cm 20x28
pagine: 416
immagini: b/n e col.
prezzo versione cartacea: 45,00 € sconto 10%
ISBN: 978-88-3283-112-2