Josef Jedlička

Nel mezzo del cammin di nostra vita

Traduzione di Livio Fiorica. Postfazione di Michael Špirit, con una nota di Alena Wildová Tosi. Fotografie di Luděk Prošek

Suggestiva e struggente prosa lirica intessuta di citazioni da Dante, Šklovskij e Mácha, l’opera, pur risalendo alla metà degli anni Cinquanta, fu pubblicata – non senza alcuni tagli censori – solo nel 1966, quando a Praga sembrava allentarsi la morsa del regime e si credeva nella possibilità di un socialismo dal ‘volto umano’. L’uscita del libro fu salutata con un misto di speranza e stupore, non solo per il suo alto valore letterario, ma anche perché costituiva uno dei primi segnali – prima dello Scherzo di Kundera – dell’effettiva possibilità di denunciare le dure e disperate condizioni di vita nella Cecoslovacchia stalinista. Malgrado l’argomento ‘politico’, la narrazione non è epico-descrittiva: l’originale composizione fonde l’intonazione elegiaca con quella meditativa, offrendo una testimonianza autobiografica ed esistenziale sulla ricerca del senso della vita nell’epoca del socialismo reale. La traduzione italiana si basa sulla nuova edizione ceca del 1994, nella quale sono stati reintegrati i tagli operati dalla censura nel 1966. Commentano il libro alcune fotografie di Luděk Prošek espressamente realizzate per questa edizione.

titolo: Nel mezzo del cammin di nostra vita
autore: Josef Jedlička
editore: Forum
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2006
collana: OltrE
formato: cm 15x20,5
pagine: 120
immagini: ill. b/n
prezzo versione cartacea: 14,00 € sconto 10%
ISBN: 978-88-8420-339-7

Eventi

Recensioni