Marisa Sestito

Cara fedeltà: la resa del traduttore

Prolusione all’anno accademico 2005-06, Università degli studi di Udine, sede di Gorizia

In questo breve saggio la fedeltà del traduttore è il principio su cui si costruiscono le linee guida del discorso: Beckett, Shakespeare, Dickens consentono un progressivo avvicinamento al senso profondo del testo, alla sua voce segreta e unica, che il traduttore è chiamato a far risuonare nella sua lingua. Il lavoro coinvolge l’interpretazione, che si interroga sulla verità del testo; il ritmo, che riproduce pause e accelerazioni; il tessuto linguistico, che definisce le variegate manifestazioni dello stile. Tutto in nome della ‘cara’ fedeltà, il difficile atto d’amore nei confronti dell’origine, compiuto nella consapevolezza che qualcosa comunque si perde, che la propria lingua sottrae a volte la ‘resa’ alle possibilità di rendere e la costringe ad arrendersi.

titolo: Cara fedeltà: la resa del traduttore
autore: Marisa Sestito
editore: Forum
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2006
formato: cm 15x18
pagine: 24
immagini: ill. b/n
prezzo: 7,00 € sconto 10%
ISBN: 978-88-8420-348-9

Recensioni

Dello stesso autore