Giuseppina Porri

Il conto del pane

Il ritratto di una famiglia toscana ai tempi del fascismo si snoda nell’incrocio di due strade nella parte alta della città di Arezzo: via Bicchieraia, dove Giuseppina vive felice con la sua famiglia in un antico palazzo, e corso Italia, dove il padre Angiolo ha il suo forno, frequentato da clienti abituali, avventori occasionali e aiutanti che diventano figure di riferimento per la bambina. Nel duro lavoro di giorni che iniziano all’alba anche lei fa la sua parte dividendo le ore fra scuola, compiti, consegne del pane e conti del forno da far quadrare. Ma Angiolo, schedato dai fascisti come ‘sovversivo’ per le sue idee socialiste, è sorvegliato costantemente e con lui il forno che perde clienti di giorno in giorno. I pestaggi, le carcerazioni, i sospetti faranno precipitare gli affari e la salute del padre, fino a che il suo cuore cederà, mentre l’Italia sta per entrare in guerra.

  • Giuseppina Porri

    nata a Cortona nel 1923, da poco vive all’Istituto Santa Maria in Gradi di Arezzo, autonoma nei suoi 94 anni, con una memoria nitida di fatti, luoghi, persone del suo intenso vissuto nell’Italia fascista degli anni Trenta e Quaranta. Diventata maestra a soli 17 anni nel 1940, ha insegnato poi per tutta la vita, pur sognando di continuare a studiare.

titolo: Il conto del pane
autore: Giuseppina Porri
editore: Forum
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2017
collana: Autografie
formato: cm 12x18
pagine: 144
prezzo: 12,00 € sconto 10%
ISBN: 978-88-3283-048-4

Eventi

Recensioni